Coronavirus in Giordania: aggiornamenti

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Tempo di lettura: 9 minuti

Resta informato sulla situazione del Coronavirus in Giordania. 
L’articolo è in continuo aggiornamento.

Aggiornamento 31 agosto

Che cosa devo fare prima di andare in Giordania?

1. Effettuare un test PCR con risultato negativo nelle 72 ore precedenti l’ingresso in Giordania.

2. Compilare il modulo sul sito governativo ufficiale Gateway2jordan cliccando sul seguente link https://www.gateway2jordan.gov.jo/form/ . Oltre ai dati personali e ai dettagli sul volo, è necessario inserire anche il documento che attesti l’esito negativo del test eseguito.

Che cosa devo fare prima di rientrare in Italia dalla Giordania?

1. Effettuare un test molecolare o antigenico condotto a mezzo di tampone e risultato negativo, nelle 72 ore precedenti l’ingresso in Italia. Il test in Giordania ha un costo pari a 15JD (20,00€ circa) e può essere effettuato rapidamente in uno dei numerosi hub drive in che si trovano nelle principali città, senza necessità di prenotazione.

2. Presentare al vettore, all’atto dell’imbarco, e a chiunque sia deputato a effettuare i controlli, la certificazione “verde” COVID-19, rilasciata al completamento del ciclo vaccinaleovvero certificazione equipollente, emessa dalle autorità sanitarie competenti a seguito di vaccinazione validata dall’EMA (Agenzia Europea per i Medicinali).

Compilare un formulario on-line di localizzazione (denominato anche digital Passenger Locator Form (dPLF)  e presentarlo, sul proprio dispositivo mobile o in versione cartacea, al vettore al momento dell’imbarco, e a chiunque sia preposto a effettuare i controlli.

Che cosa devo fare una volta rientrato/a in Italia dalla Giordania?

In caso di mancata presentazione di certificazione “verde” COVID-19 valida e di esito di test molecolare o antigenico negativo, è comunque possibile entrare in Italia ma è fatto obbligo di:

  • Sottoporsi a isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria (informando la ASL competente per attivare la sorveglianza)presso l’indirizzo indicato nel dPLF, per un periodo di cinque (5) giorni.
  • Effettuare un ulteriore test molecolare o antigenico,condotto con tampone, al termine dei cinque (5) giorni di isolamento. 

N.B. SE SEI IN POSSESSO DI CERTIFICAZIONE VERDE E DI ESITO NEGATIVO DI TAMPONE MOLECOLARE O ANTIGENICO EFFETTUATO IN GIORDANIA NELLE 72 ORE PRECEDENTI IL RIENTRO IN ITALIA, NON DOVRAI SOTTOPORTI AD ALCUN ISOLAMENTO FIDUCIARIO, Nè EFFETTUARE ALTRI TAMPONI.

Aggiornamento 31 luglio

Secondo il nuovo provvedimento del Ministero della salute, valido dal 31 luglio fino al 30 agosto, la Giordania passa da lista E a lista D. Sono quindi consentiti gli spostamenti da/per i paesi in lista D senza necessità di motivazione (fatte salve eventuali limitazioni disposte in Italia a livello regionale).

Che cosa significa?

Significa che finalmente si può tornare a viaggiare in Giordania!

Se state programmando un viaggio in Giordania sicuramente nei giorni scorsi avete letto qualche articolo a proposito della “riapertura” o vi siete informati sul sito Viaggiare Sicuri oppure sul sito del Ministero del Turismo giordano.

Ecco, qui abbiamo riunito tutte le informazioni ufficiali in un unico elenco, per spiegarvi in modo chiaro tutto quello che è necessario fare per poter andare (e tornare) dalla Giordania.

Prima di partire per la Giordania:

  1. Effettuare un test PCR con risultato negativo nelle 72 ore precedenti l’ingresso in Giordania.
  2. Compilare il modulo sul sito governativo ufficiale Gateway2jordan cliccando sul seguente link https://www.gateway2jordan.gov.jo/form/ . Oltre ai dati personali e ai dettagli sul volo, è necessario inserire anche il documento che attesti l’esito negativo del test eseguito.
    B.: I bambini al di sotto dei 5 anni di età sono esentati dalla compilazione del modulo.

Prima di rientrare in Italia:

Effettuare un test molecolare o antigenico condotto a mezzo di tampone e risultato negativo, nelle 72 ore precedenti l’ingresso in Italia. Il test in Giordania ha un costo pari a 15JD (20,00€ circa) e può essere effettuato rapidamente in uno dei numerosi hub drive in che si trovano nelle principali città, senza necessità di prenotazione.

Al rientro in Italia:

  1. Compilare il formulario digitale di localizzazione (detto anche dPLF – digital Passenger Locator Form). Il modulo si compila online cliccando sul seguente link: https://app.euplf.eu/#/
  2. Sottoporsi a isolamento fiduciario per 5 giorni, attivando la sorveglianza sanitaria attraverso la ASL competente per territorio.
  3. Al termine dei cinque 5 di isolamento, è necessario effettuare un ulteriore test.

N.B.:bambini al di sotto dei 6 anni di età sono esentati dall’effettuazione del test molecolare o antigenico, ma non dall’obbligo dell’isolamento.

Aggiornamento 14 dicembre

giordania covid

Aggiornamento 6 ottobre

Riportiamo di seguito la situazione del Covid-19 in Giordania.

Fonte: Ministero della Salute giordano

Per restare sempre aggiornati sui dati visitate il seguente link: https://corona.moh.gov.jo/en

Coronavirus Giordania

Aggiornamento 16 settembre

Vi spieghiamo passo passo gli step definiti dal Governo giordano per i viaggiatori che vogliono recarsi in Giordania.

Cosa fare prima di partire:

1. Acquistare il volo (possibilmente con soluzione rimborsabile, vista la situazione incerta).

2. Compilare il modulo di dichiarazione di viaggio disponibile sul sito ufficiale del Ministero del Turismo giordano.
Il modulo richiede la compilazione di informazioni personali, dettagli del viaggio e la dichiarazione di assenza di sintomi Covid-19, in base alla classificazione epidemiologica dei paesi in cui i viaggiatori hanno trascorso gli ultimi 14 giorni.

3. In caso di provenienza da paesi gialli o rossi al momento della compilazione del modulo, il sistema mostrerà anche le opzioni di alloggio disponibili dove trascorrere la quarantena istituzionale, con relativi prezzi che includono anche il costo per il trasporto locale, 3 pasti al giorno e per il test PCR obbligatorio da fare all’arrivo in aeroporto.

4. In caso di provenienza da paesi gialli rossi che prevedono la quarantena obbligatoria, scegliere la soluzione di alloggio ed effettuare il pagamento online. Per chi proviene da paesi verdi, effettuare il pagamento online per il test PCR da fare all’arrivo (40JD).

5. Una volta completata la compilazione del modulo il viaggiatore riceverà un’e-mail con un documento di viaggio contenente un codice QR.

6. Sottoporsi ad un test PCR entro 5 giorni dalla partenza.

7. Scaricare l’applicazione “أمان” (“Aman”)

8. Munirsi di documento che attesti la residenza nel paese di provenienza negli ultimi 14 giorni.

Cosa fare prima di imbarcarsi sul volo diretto in Giordania:

1. Tutti i viaggiatori sono tenuti a mostrare:
il documento di viaggio con codice QR ricevuto via e-mail prima di salire a bordo del volo.

– il documento che attesti l‘esito negativo del test PCR condotto entro 5 giorni dalla partenza.

il documento che attesti la residenza nel paese di provenienza negli ultimi 14 giorni.

– l’applicazione “أمان” (“Aman”) installata sul proprio smartphone.

Cosa fare quando si arriva in Giordania:

1. Tutti i viaggiatori saranno sottoposti ad un secondo test PRC. I viaggiatori provenienti da paesi gialli o rossi dovranno sottoporsi a quarantena, mentre chi proviene da paesi verdi, se anche il secondo test risulta negativo, potrà visitare liberamente il paese.

Ricordiamo ai viaggiatori l’importanza di aderire a queste nuove procedure di viaggio per garantire la salute e la sicurezza di tutti.

Clicca sull’icona per scaricare l’app Aman per IOS

Clicca sull’icona per scaricare l’app Aman per Android

FAQ – Domande frequenti

  • Cosa succede se il test PCR all’aeroporto di Amman risulta positivo? 
    Se il risultato della PCR è positivo, il viaggiatore sarà inviato all’ufficio del Ministero della Salute dell’aeroporto per organizzare il suo ritorno in sicurezza. Nel frattempo sarà trasportato all’ospedale COVID (il trattamento ospedaliero per i non giordani sarà a spese del viaggiatore).
  • Qual è il tempo di attesa per il test PCR all’aeroporto di Amman?
    Il risultato del test richiede al massimo 2-5 ore di attesa.
  • Anche per i bambini è previsto il test PCR all’arrivo?
    I bambini di età superiore ai 5 anni devono sottoporsi al test QCR.
  • Per tornare nel nostro paese dopo aver visitato la Giordania ci viene chiesto di andare in un laboratorio per un altro test PCR? Se sì, come possiamo contattare questi laboratori?
    Dipende dalla politica e dalle procedure di ogni paese. Nell’area partenze dell’aeroporto si trova un laboratorio dove poter effettuare il test PCR. Qui verrà anche fornito un elenco dei laboratori locali situati ad Amman.
  • Chi coprirà le spese del mio test PCR in aeroporto?
    Il test PCR è a spese del viaggiatore.
  • Sono residente in un paese della lista verde, ma sono in possesso di un passaporto di un altro paese, mi sarà permesso l’ingresso?
    Sì, a condizione di aver risieduto in un paese della lista verde per 14 giorni consecutivi prima dell’arrivo in Giordania.
  • I siti storici e le attrazioni turistiche vengono igienizzati per i visitatori?
    Sì, tutte le aree pubbliche e le attrazioni turistiche sono regolarmente sanificate.
  • Il Duty Free dell’aeroporto di Amman accetta contanti o devo usare la mia carta di credito per i miei acquisti?
    Sono accettati entrambi i pagamenti.
  • Durante la mia visita in Giordania, ho sviluppato alcuni sintomi correlati ai sintomi di Covid19 , a chi devo rivolgermi?
    Contatta il numero verde 111 del Ministero dell’Interno.
  • Quali aeroporti opereranno?
    Queen Alia international di Amman.
  • Quali sono le procedure per il visto?
    Sono le stesse di prima di Covid19 (Visto all’arrivo in aeroporto/Jordan Pass).
  • Qual è la situazione del Covid-19 in Giordania?
    Per info visita corona.moh.gov.jo.
  • Posso entrare in Giordania transitando in un paese verde anche se il mio paese/regione di partenza è elencato come Giallo/Rosso?
    No, il transito in un Paese verde non implica che passeggeri vengano classificati come “verdi” se sono partiti da un paese/regione rosso/giallo. I passeggeri devono trascorrere almeno 14 giorni in un Paese “verde” per essere classificati come verdi.

Fonte: https://www.visitjordan.gov.jo/FAQ.html

Aggiornamento 15 settembre 

🟢 𝗟’𝗜𝘁𝗮𝗹𝗶𝗮 𝗲̀ 𝘀𝘁𝗮𝘁𝗮 𝗰𝗹𝗮𝘀𝘀𝗶𝗳𝗶𝗰𝗮𝘁𝗮 𝗰𝗼𝗺𝗲 𝗽𝗮𝗲𝘀𝗲 𝘃𝗲𝗿𝗱𝗲.

Per chi arriva dall’Italia:
✅ Tampone con esito negativo effettuato entro le 72 ore precedenti allo sbarco e tampone all’arrivo
❎ Nessun obbligo di quarantena se il tampone all’arrivo è negativo

Aggiornamento 3 settembre 

‼️ 𝗥𝗜𝗔𝗣𝗘𝗥𝗧𝗨𝗥𝗔 𝗗𝗘𝗚𝗟𝗜 𝗔𝗘𝗥𝗢𝗣𝗢𝗥𝗧𝗜 𝗶𝗻 𝗚𝗜𝗢𝗥𝗗𝗔𝗡𝗜𝗔

Ci siamo resi conto che stanno circolando notizie contrastanti riguardo la riapertura degli aeroporti in Giordania.
𝗙𝗮𝗰𝗰𝗶𝗮𝗺𝗼 𝘂𝗻 𝗽𝗼’ 𝗱𝗶 𝗼𝗿𝗱𝗶𝗻𝗲:
Il ministro dei trasporti giordano Khaled Saif ha comunicato la graduale riapertura degli aeroporti giordani per il giorno 𝗺𝗮𝗿𝘁𝗲𝗱𝗶̀ 𝟴 𝘀𝗲𝘁𝘁𝗲𝗺𝗯𝗿𝗲 𝟮𝟬𝟮𝟬.
In base alla percentuale di casi Covid-19 registrati nelle varie nazioni, il governo giordano le ha divise in:
🟢 Paesi verdi
🟡 Paesi gialli
🔴 Paesi rossi
✅ 𝗧𝗨𝗧𝗧𝗜 i viaggiatori devono arrivare in Giordania dopo aver fatto il 𝘁𝗮𝗺𝗽𝗼𝗻𝗲 𝗿𝗶𝘀𝘂𝗹𝘁𝗮𝘁𝗼 𝗻𝗲𝗴𝗮𝘁𝗶𝘃𝗼 𝗲𝗻𝘁𝗿𝗼 𝗹𝗲 𝟳𝟮 𝗼𝗿𝗲 precedenti lo sbarco nel paese.
🟢 I passeggeri provenienti da paesi verdi non dovranno fare la quarantena.
🟡 🔴 I passeggeri provenienti da paesi gialli e rossi dovranno fare la 𝗾𝘂𝗮𝗿𝗮𝗻𝘁𝗲𝗻𝗮.
❗️ 𝗟’𝗜𝘁𝗮𝗹𝗶𝗮, secondo questo ultimo aggiornamento, 𝗿𝗶𝗲𝗻𝘁𝗿𝗮 𝘁𝗿𝗮 𝗶 𝗽𝗮𝗲𝘀𝗶 𝗴𝗶𝗮𝗹𝗹𝗶, quindi stando a quanto comunicato fino ad ora, se partite per la Giordania dovrete sottoporvi a 𝗾𝘂𝗮𝗿𝗮𝗻𝘁𝗲𝗻𝗮.

Aggiornamento 16 luglio 

La testata giordana Roya News rende noto che il governo giordano ha reso pubblico l’elenco dei paesi i cui cittadini possono viaggiare da e per la Giordania e l’Italia è tra questi!

Gli italiani possono finalmente recarsi in Giordania, senza dover fare la quarantena, a patto che si sottopongano ad un test Covid-19 entro tre giorni dal loro arrivo in Giordania
Si stima inoltre che gli aeroporti ed i voli internazionali torneranno operativi a partire dalla prima o dalla seconda settimana di agosto.

Aggiornamento 31 marzo 

L’ambasciata Italiana ad Amman esprime sulla propria pagina Facebook ufficiale la propria vicinanza alle vittime italiane.
“Oggi, come in tutto il mondo, bandiere a mezz’asta anche ad Amman in segno di omaggio e vicinanza alle tante vittime dell’epidemia COVID-19. Tantissime le espressioni di solidarietà pervenute in questi giorni dai molti amici giordani dell’Italia: grazie per la vostra amicizia!”

Aggiornamento 20 marzo 

Sul sito ufficiale dell’Ambasciata d’Italia ad Amman in data 20 marzo si legge quanto segue:
Il Governo ha imposto il coprifuoco a partire dalle 7.00 AM di sabato 21 marzo 2020 fino a nuovo ordine. Pertanto:

  • è stato rafforzato l’obbligo di rimanere in casa;
  • saranno chiusi tutti i negozi ed esercizi commerciali. Alcune deroghe funzionali saranno rese note il 24 marzo;
  • per ogni emergenza sanitaria occorre avvertire il Public Security Directorate (PSD) o il Civil Defense Directorate (CDD), che prenderà le misure necessarie;
  • ogni violazione sarà punita con l’arresto immediato e la detenzione fino ad un anno. 

Aggiornamento 18 marzo 

In data 18 marzo l’ambasciatore italiano in Giordania Fabio Cassese esprime sulla pagina Facebook ufficiale dell’Ambasciata Italiana ad Amman la propria vicinanza al popolo italiano e agli italiani che si trovano in Giordania.

Aggiornamento 17 marzo 

In data 17 marzo 2020 l’Ambasciata d’Italia ad Amman pubblica un nuovo comunicato sul Covid-19, definendo:
1. Informazioni su virus e malattia, sintomi, prevenzione e trattamento

2. Informazioni sulle misure di contenimento in Italia

3. Informazioni sulla situazione in Giordania

Leggi il comunicato completo.

Aggiornamento 26 febbraio 

Il Governo giordano vieta l’ingresso ai visitatori italiani fino a data da destinarsi. I voli Ryanair per la Giordania sono sospesi, i voli in uscita sono garantiti solo fino al giorno 11 marzo.

ryanair_giordania_coronavirus

Aggiornamento 25 febbraio 

In data 25 Febbraio 2020 è stato comunicato sul sito ufficiale della Farnesina www.viaggiaresicuri.it che la Giordania ha adottato delle misure preventive e di monitoraggio per il coronavirus.

A chi viene negato il visto di ingresso in Giordania?

Attualmente è negato a tutti i viaggiatori che abbiano viaggiato in Italia, Cina, Corea del Sud e Iran nei 14 giorni precendenti all’arrivo in Giordania.

Quali sono le misure?

I viaggiatori in arrivo nel Paese saranno sottoposti a un monitoraggio della temperatura corporea e coloro che risulteranno con sintomi riconducibili al virus (la febbre) saranno sottoposti a quarantena obbligatoria di 14 giorni presso un ospedale locale.

coronavirus_giordania
Fonte viaggiaresicuri.it

Last Updated on Ottobre 6, 2021 by Martina

Cerchi un'esperienza unica?

Parti con noi alla scoperta della Giordania!

Petra

Meraviglia del mondo

Wadi Rum

Il deserto rosso

Amman

La città dai mille volti

Mar Morto

La spa a cielo aperto

Gerasa

La "Pompei d'Oriente"

Aqaba

La città sul Mar Rosso

Mini GUIDA sulla Giordania

Inserisci la mail per ricevere la nostra mini guida.

Organizziamo il tuo viaggio in Giordania